Barbara Bonomi Romagnoli | 2008 settembre
0
archive,date,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-1.6.1

La rivolta degli ombrellini rossi – Roma, ordinanza Alemanno contro la prostituzione

Non ha perso tempo Alemanno. I primi di settembre, ispirato dal ddl Carfagna, il comune di Roma ha emesso un’ordinanza che prevede multe per prostitute e clienti. Provvedimento che ha sollevato commenti vari. Il Sulpm (sindacato unitario lavoratori polizia municipale) si chiede se «scrivendo che è fatto divieto “di contattare soggetti dediti alla prostituzione ovvero concordare con gli stessi prestazioni sessuali” si intende che anche il solo contattare per chiedere ad esempio una sigaretta o portare un caffè come fanno alcune associazioni di volontariato cattolico, ad un soggetto dedito alla prostituzione significa incorrere in una sanzione. Chi specificherà, ad esempio all’agente operatore, quanto corta si deve intendere una minigonna affinchè si manifesti inequivocabilmente l’intenzione di adescare o esercitare l’attività di meretricio?».

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi