Barbara Bonomi Romagnoli | Pink Bee Revolution
1002
home,paged,page-template,page-template-blog-standard,page-template-blog-standard-php,page,page-id-1002,paged-14,page-paged-14,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-1.6.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Quattro domande a Michela Murgia, scrittrice

Sul suo blog in alto a destra c’è l’aggiornamento meteorologico su Cabras, Sardegna occidentale. E poi sotto scorrendo la pagina si parla di cose sarde, di politica, di diritti, di cultura, di chiesa…e qua e là spunta il sorriso di Michela Murgia, 38 anni, scrittrice divenuta famosa con il suo primo romanzo autobiografico, Il mondo deve sapere (Isbn edizioni), che di recente è stato ripubblicato con una postfazione inedita dell’autrice. All’epoca della vicenda Michela lavorava nel call center della multinazionale americana Kirby Company e la sua storia di mobbing e precariato ha ispirato il film di Paolo Virzì Tutta la vita davanti. Un enorme successo di pubblico e critica.

La violenta normalità

Ogni anno la stessa storia, ricorre la giornata internazionale contro la violenza sulle donne e tutti pronti a dire: è una emergenza. Nossignori, è bene ripeterlo per l’ennesima volta, la violenza maschile sulle donne è la normalità, si annida nelle relazioni fra i sessi e non ha colore né passaporto. Non accade solo il 25 novembre, ma sempre.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi