Barbara Bonomi Romagnoli | Barbara Bonomi Romagnoli
1
archive,author,author-apebarb,author-1,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-1.6.1

Sessismo: cognomi e nuove parole

Da circa dieci anni utilizzo il doppio cognome: non perché abbia origini nobili ma come forma di protesta riguardo la mancata possibilità in Italia di utilizzare come meglio si voglia il cognome materno, da solo o in coppia con quello paterno, possibilmente in ordine alfabetico a sancirne il pari valore. Spesso e volentieri la mia è considerata una boutade da femminista eppure recentemente anche la Corte Costituzionale si è nuovamente pronunciata dicendo che il cognome unico è un retaggio patriarcale sollecitando nuovamente il Parlamento a legiferare in materia. Una sentenza del 2016 della Corte aveva già dichiarato l’incostituzionalità delle norme relative al cognome finora vigenti che hanno sempre prediletto quello paterno al materno. Dopo quella sentenza è possibile dare entrambi i cognomi ma sempre facendo seguire quello materno a quello paterno.

In memoria di Lilian Masediba Matabane Ngoyi

Se su google si inserisce solo Ngoyi è un profluvio di pagine su uno dei tanti calciatori che sembra stiano facendo la storia; è necessario inserire il nome completo Lilian Masediba Matabane Ngoyi per trovare alcune informazioni – pochissime in italiano – su una delle più importanti attiviste della lotta all’apartheid in SudAfrica, nota anche con il diminutivo Ma Ngoyi. Muore il 13 marzo 1980 a 69 anni dopo aver contribuito alla nascita dell’Anc (African National Congress) – fu la prima donna eletta nel comitato esecutivo – e tra le fondatrici...

Read More

Il buio che illumina i fantasmi

«Vedo tutto così chiaramente, come se fosse successo davvero. Ci ho provato a vivere normalmente, ma ogni volta sentivo che l’irreale non spariva, si spostava soltanto di un po’».

Polonia, 1935. Una donna senza nome, narratrice della storia, viene dimessa da un sanatorio per malati di nervi sul Baltico. Arriva a Varsavia con il fratello maggiore e si apre una vicenda che va avanti e indietro nel tempo, fra ricordi e presenze che sembrano aliene ma forse sono solo gli spiriti della vita vissuta e dei desideri che la animano.
Autrice di questo interessante esperimento letterario è Anna Kańtoch, polacca, classe 1976, arabista di formazione ed esponente di punta del gruppo letterario “Harda Horda” che riunisce alcune fra le autrici fantasy polacche più influenti e originali. Ha pubblicato dodici romanzi e numerosi racconti, spaziando dal noir alla fantascienza, dallo steampunk al giallo, fino alla young-adult fiction. Con Buio ha vinto il premio Zuławski, il maggiore riconoscimento critico per la letteratura fantastica del suo Paese.
Per conversare con lei sull’edizione italiana appena pubblicata da Carbonio editore, l’abbiamo raggiunta con il sostegno di Salvatore Greco, interprete e agente letterario di Nova Books Agency che ha portato l’autrice in Italia.

Vicine di casa, vicine al mondo

Trent’anni di centro antiviolenza e quindici anni di Festival della Violenza illustrata per cambiare il mondo a partire dalle singole donne. Un bel compleanno per la Casa delle donne di Bologna che in questi decenni «ha visto passare oltre 12mila donne, ognuna di loro con una sua storia, importante, unica, di sofferenza ma anche di felicità per una nuova vita da ricostruire” come racconta Anna Pramstrahler, una delle socie fondatrici della casa e co-ideatrice del Festival: «siamo riuscite a costruire un centro autonomo e femminista, siamo tutte donne, formate, motivate, con una forte spinta politica a non volere considerare la violenza maschile contro le donne un problema “psicologico” come fanno i servizi istituzionali. È una questione globale, strutturale, una questione di potere tra i generi». E l’anno della pandemia lo ha confermato.

La nostra Nig, la nostra schiava

«Nessuno l’avrebbe presa. Era nera, nessuno l’avrebbe amata. Sarebbe dovuta tornare e restare più che mai alla mercé della padrona». E non una padrona qualunque, ma una donna «altezzosa, turbolenta, lunatica e severa. In parole povere, una scorbutica in tutto e per tutto» che riversa sulla piccola Alfrado, detta Frado, e soprannominata Nig – diminutivo di nigger – una violenza inaudita e feroce per anni e anni, per niente smussata dalla finzione letteraria … la quale altro non è che la vicenda autobiografica di Harriet E. Wilson. Nata nel 1825 in...

Read More

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi